poggio rusco

A processo l’amministratore di condominio

Prima udienza a carico di Sandro Ghidini: è accusato di appropriazione indebita

POGGIO RUSCO. A processo l’amministratore di condominio Sandro Ghidini. La prima udienza si è tenuta ieri mattina davanti al giudice Chiara Comunale, che è stata però costretta a rinviare il processo per l’assenza dell’imputato. A Ghidini viene contestata l’appropriazione indebita. In qualità di amministratore del condominio Cristina di via XXV Aprile a Poggio Rusco avrebbe fatto prelievi ingiustificati dal conto comune per 20mila euro. A presentare querela nei suoi confronti era stato un altro amministratore di condominio. I condomini non hanno voluto costituirsi parte civile. Difensore d’ufficio è l’avvocato Margherita Pellecchi.

Non è l’unico guaio per l’amministratore sommerso da numerose denunce in altri Comuni. Sta per arrivare sul tavolo del giudice per le indagini preliminari anche la richiesta di rinvio a giudizio per un altro condominio di Poggio Rusco amministrato da Ghidini, il Gianluigi, il più grande complesso abitativo di Poggio Rusco. Proprio in questi giorni, infatti, si sono chiuse le indagini.

Numerose sono state le verifiche contabili, riguardanti altri stabili del Comune (quattro in tutto) per i quali sono giunte le dimissioni spontanee dell'amministratore, finito nel vortice di denunce per presunti ammanchi nella gestione dei conti.

Il tutto è nato proprio dai primi dubbi sorti in merito alla gestione del condominio Gianluigi nel 2014 e seguiti da quelli del condominio Elena, dove dieci famiglie avevano depositato una denuncia. Poi era toccato al condominio di via Matteotti 24 fare il punto della situazione in assemblea. I condomini, una dozzina tra proprietari di appartamenti, negozi e uffici, avevano pubblicamente letto la lettera di dimissioni di Ghidini, nominando il nuovo amministratore condominiale.(gol)